Pirelli & C.

Toolbox

Valore aggiunto

Il termine indica la ricchezza prodotta nel periodo di rendicontazione, calcolata come differenza fra i ricavi generati e i costi esterni sostenuti nell’esercizio.

La distribuzione del valore aggiunto fra gli stakeholders permette di esprimere in termini monetari le relazioni esistenti tra Pirelli e i principali portatori d’interesse, così spostando l’attenzione sul sistema socio-economico in cui opera il Gruppo (come sintetizzato nello schema seguente).

Distribuzione del valore aggiunto

Valore aggiunto (in migliaia di Euro)

Il valore aggiunto creato dal Gruppo Pirelli & C. nel 2009, 2008 e 2007 risulta così ripartito:

2009 2008 2007
VALORE AGGIUNTO GLOBALE LORDO 1.429.659 1.169.029 1.871.969
Remunerazione del personale (1.053.732) 73,7% (1.210.440) 103,5% (1.156.170) 61,8%
Remunerazione della Pubblica Amministrazione (97.897) 6,8% (78.335) 6,7% (133.503) 7,1%
Remunerazione del capitale di credito (85.353) 6,0% (76.087) 6,5% (36.288) 1,9%
Remunerazione del capitale di rischio (81.132) 5,7% - 0,0% (169.503) 9,1%
Remunerazione dell'azienda (107.398) 7,5% 200.866 -17,2% (368.132) 19,7%
Liberalità esterne (4.147) 0,3% (5.033) 0,4% (8.373) 0,4%

Gli andamenti delle voci determinanti il valore aggiunto globale lordo, come sopra riportate, trovano adeguata esplicazione nel Libro uno, Relazione degli Amministratori, cui si rinvia per gli opportuni approfondimenti.

La tabella seguente indica l’ammontare di contributi e donazioni erogati dal Gruppo Pirelli & C. nel triennio 2009, 2008 e 2007, suddivisi per tipologia:

Settore di intervento (in migliaia di Euro)

2009 2008 2007
Education 711 1.322 1.035
Cultura 1.633 2.076 5.774
Sport 50 137 287
Ricerca 923 615 483
Solidarietà 830 880 656
Altro - 3 138
TOTALE 4.147 5.033 8.373

La complessità del momento dal punto di vista economico ha determinato una rivalutazione di quanto destinato ai differenti settori di intervento. Esemplificativa in tal senso l’evoluzione degli ultimi due anni rispetto al 2007, che vede decisamente diminuire l’ammontare totale di contributi e donazioni effettuati. Ciononstante si nota un costante aumento di risorse destinate alla ricerca, elemento di fondamentale importanza sociale durante una congiuntura economica difficile.

Si rinvia al capitolo Dimensione Sociale per l’approfondimento descrittivo delle principali iniziative correlate alle erogazioni sopra indicate.

Si precisa che nel corso dell'esercizio 2009 non sono state comminate e pagate sanzioni significative a titolo definitivo per non conformità a leggi, regolamenti, incluse quante riferite a fornitura ed utilizzo di prodotti e/o servizi del Gruppo.

Il Gruppo, infine, “non eroga contributi, vantaggi o altre utilità ai partiti politici e alle organizzazioni sindacali dei lavoratori, né a loro rappresentanti o candidati, fermo il rispetto della normativa eventualmente applicabile”.
(Codice Etico – “Comunità”).

Finanziamenti significativi ricevuti nel 2009

La Banca europea per gli Investimenti (BEI) e Pirelli hanno firmato nel 2009 un contratto di finanziamento da 100 milioni di euro concesso da BEI a sostegno di progetti nell’ambito della ricerca e sviluppo del gruppo Pirelli per il periodo 2009-2012.

Il prestito è destinato a sostenere l’attività di ricerca e sviluppo nel campo dell’innovazione dei prodotti e dei processi produttivi volta anche a ridurre l’impatto ambientale degli pneumatici, migliorandone la performance e gli standard di sicurezza grazie all’individuazione di materiali e componenti innovativi. Il progetto riguarda le attività realizzate nei diversi centri di ricerca e sviluppo Pirelli in Italia e all’estero ed è stato perfezionato a valere sulla linea di credito per 200 milioni di euro deliberata da BEI a luglio 2009.

Il nuovo finanziamento consolida il rapporto tra Pirelli e BEI, che già in passato ha contribuito al costante impegno del gruppo nell’innovazione e nello sviluppo della sua competitività a livello globale.

Siamo soddisfatti di proseguire nella nostra tradizione di affiancamento del gruppo Pirelli, che fa degli investimenti in ricerca uno dei capisaldi della sua politica di sviluppo sui mercati internazionali, ponendo grande attenzione all’obiettivo, prioritario per la BEI, della riduzione delle emissioni inquinanti”, è stato il commento del vicepresidente della BEI Dario Scannapieco, responsabile per le operazioni in Italia, Malta e Balcani Occidentali.

Il finanziamento concesso da BEI – ha dichiarato Marco Tronchetti Provera, presidente di Pirelli – costituisce un contributo e un riconoscimento importante per le attività di ricerca di Pirelli, da sempre fortemente impegnata in questa direzione con lo scopo di migliorare la qualità dei prodotti, a beneficio del consumatore e della competitività del gruppo sul mercato. Oggi, in particolare, tale sforzo ci vede impegnati nello sviluppo di prodotti e di processi sempre più eco-compatibili, cioè orientati ad adottare tecnologie che offrano al cliente non solo sicurezza e alte prestazioni, ma anche soluzioni rispettose dell’ambiente”.